[VIDEO] #BRUSARETRO2018 1/2: TUTTI I MODELLI DI COMMODORE 64 DELLA STORIA

In occasione dell’edizione 2018 di Brusaporto #Retrocomputing le associazioni RetroCampus ed ESOCOP hanno deciso di organizzare una mostra dedicata al #retrocomputer più popolare della storia, il #Commodore64, ma in una maniera però diversa e mai vista sino ad ora.

Infatti, per la prima volta in assoluto sono stati mostrati tutti (ma proprio TUTTI) i modelli di Commodore 64 conosciuti. Si sono potuti ammirare modelli mai visti e prototipi di questo amato home computer che ha fatto la storia dell’informatica personale, come il #Commodore65, il Commodore 64 “Drean” Argentino o modelli industriali come il RUPAC MULTICONTROL.

Ecco l’elenco di tutti i modelli presentati:

Commodore 64 ufficiali

==================================

  • Commodore MAX “Max Machine”
  • Commodore 64 prima serie “Silver Label”
  • Commodore 64 prima serie “standard”
  • Commodore 64 seconda serie “standard”
  • Commodore CBM 4064 (Educator – PET 64)
  • Commodore 64 SX “Executive” (portatile)
  • Commodore 64 “Drean” (Argentina)
  • Commodore 64 “Golden Edition”
  • Commodore 64C modello “slim”
  • Commodore 64 “Aldi”
  • Commodore 64G “Bianco”
  • Commodore 64 GS “Game System”

 

“Case-cabinet” non Commodore:

==================================

  • Case alternativo per C64 “AUSTRALIANO”

 

Evoluzione C128 Commodore:

==================================

  • Commodore 128
  • Commodore 128D “desktop”
  • Commodore 128D CR “desktop”

 

Modelli “remake” POST-Commodore:

==================================

  • C64 DTV v.1
  • C64 DTV v.2
  • C64 DTV “HUMMER”
  • The C64 “MINI”

 

Modelli “BUSINESS” non Commodore:

==================================

  • RUPAC SRL – “Multicontrol”

 

Prototipi Commodore:

==================================

  • Commodore 65 “C65”
Share

Un pensiero su “[VIDEO] #BRUSARETRO2018 1/2: TUTTI I MODELLI DI COMMODORE 64 DELLA STORIA

  • 01/08/2019 in 19:16
    Permalink

    Bellissima ed esaustiva presentazione di uno spaccato importantissimo della storia informatica. Qualche tecnicismo da addetto ai lavori in più non avrebbe stonato una presentazione comunque molto coinvolgente e divulgativa. E sarebbe stata ancora meglio se non ci fosse stato il tipo reticente a mettere le iniziali nella schermata dei record di Bubble Bobble.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.